Flussi di ingresso dei lavoratori extra UE per l’anno 2017

14 marzo , 2017

In attesa della pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del D.P.C.M. 13 febbraio 2017, i Ministeri del Lavoro e dell’Interno, con circolare congiunta n. 902 dell’8 marzo c.a., forniscono precisazioni relativamente alla programmazione transitoria dei flussi di ingresso dei lavoratori non comunitari nel territorio dello Stato per l’anno 2017.

La quota di ingressi in Italia, per motivi di lavoro subordinato non stagionale e di lavoro autonomo, è pari a 13.850 unità. La quota complessiva è così ripartita:

  • 500 lavoratori stranieri, non comunitari residenti all’estero, che abbiano completato programmi di formazione e istruzione nei Paesi d’origine ai sensi dell’art. 23 del decreto legislativo 25 luglio 1998, n. 286;
  • 100 lavoratori stranieri per motivi di lavoro subordinato non stagionale e di lavoro autonomo di origine italiana per parte di almeno uno dei genitori fino al terzo grado di linea diretta di ascendenza, residenti in Argentina, Uruguay, Venezuela e Brasile;
  • 2.400 lavoratori autonomi.

Le restanti 10.850 quote vengono riservate a coloro che intendano convertire in lavoro subordinato il permesso di soggiorno già posseduto ad altro titolo.

A partire dalle ore 9.00 del 14 marzo prossimo sarà disponibile l’applicativo per la precompilazione dei moduli di domanda all’indirizzo https://nullaostalavoro.dlci.interno.it e saranno trasmesse, esclusivamente con le consuete modalità telematiche, per le categorie dei lavoratori non comunitari per lavoro non stagionale ed autonomo, dalle ore 9,00 del settimo giorno successivo alla data di pubblicazione del citato decreto nella Gazzetta Ufficiale.

 

Categoria: