Corresponsione delle retribuzioni con strumenti di pagamento diversi dal contante

27 giugno , 2018

Dal 1° luglio 2018 i datori di lavoro o committenti non potranno più corrispondere la retribuzione, direttamente al lavoratore, per mezzo di denaro contante, così come previsto dall’art. 1, commi 910 – 913, della Legge n. 205/2017 (Legge di Bilancio 2018).

L’Ispettorato al riguardo ha precisato che, al fine di contestare la violazione della norma sopra citata, occorre verificare non soltanto che il datore di lavoro abbia disposto il pagamento utilizzando gli strumenti previsti ex lege ma che il pagamento sia andato a buon fine (Lavoronews n. 47/2018).

Categoria: